Idee nuove per una nuova cooperazione allo sviluppo

Nei primi mesi di quest’anno, un Gruppo di lavoro informale composto da persone, tra le quali il sottoscritto, con lunga esperienza e militanza nella cooperazione e nella solidarietà internazionale ha lavorato per rilanciare il dibattito sulla quanto mai necessaria riforma della cooperazione allo sviluppo del nostro Paese.

Ne è scaturito un documento che qui alleghiamo, con il quale gli autori si sono assunti la responsabilità di prendere posizione e proporre nuove idee per un nuovo quadro nel quale inserire le politiche, le strategie e le prassi di cooperazione allo sviluppo.

Nel documento si offrono indicazioni e soluzioni per alcuni dei temi più spinosi e per gli argomenti più fondamentali per impostare una nuova strategia di relazioni con le persone, le comunità, le organizzazioni e gli Stati dei Sud del mondo e per ridare all’Italia un ruolo internazionale all’altezza dei tempi, coerente con il dovere etico di intervenire in favore delle popolazioni più svantaggiate e promuovere gli interessi mutui che stanno alla base di un sano rapporto di cooperazione e di convivenza pacifica a livello globale.

Ora il documento sarà inoltrato ai 10 Gruppi di Lavoro voluti al Ministro per la cooperazione e l’integrazione Andrea Riccardi, ai parlamentari delle Commissioni Esteri di Camera e Senato, ai Partiti politici, alle ONG e a tutti coloro interessati ad approfondire e, soprattutto, ad agire per la rifondazione della cooperazione allo sviluppo italiana.

Qui di seguito ili testo integrale del documento con il suoi allegati.

per-una-rinnovata-cooperazione-allo-sviluppo-def