Il Parlamento Europeo diserta la Conferenza

Con la scusa degli alti costi degli alberghi di Rio de Janeiro, giustificazione non senza fondamento, lo scorso 7 maggio il Parlamento Europeo ha deciso di non inviare  una propria delegazione a Rio.

Questa scelta senza precedenti stende un’ombra di grande preoccupazione nelle organizzazioni di società civile internazionale impegnate nel percorso di preparazione della Conferenza sullo Sviluppo sostenibile. Suona un po’ strano e non elimina i sospetti di strumentalità una decisione che potrebbe al contrario essere fondata su di un disimpegno dell’istituzione comunitaria su un tema così fondamentale e per il quale il ruolo della Unione europea è tutt’altro che marginale.

I dissensi e le controversie all’interno degli Stati membri della UE, potrebbero aver indotto il Parlamento a sottrarsi al confronto e alla responsabilizzazione di fronte ai molti interrogativi che, soprattutto dai Paesi poveri dei Sud del mondo, vengono lanciati in direzione delle scelte politico-strategiche della UE, a partire dalla green economy.

Da sempre mi batto contro gli sprechi e i costi sovrabbondanti della nostra politica tuttavia, a volte, spendere significa investire. in questo caso, in un futuro più sostenibile per tutti, anche per la nostra UE.