Voto sul Bilancio dello Stato: segnale positivo per il futuro

Fine del Governo Berlusconi. Questo fatto che da giorni rimbalza sui media e nei corridoi dei palazzi della politica, e da tempo tra le forze dell’opposizione, un numero crescente di cittadini, e più recentemente anche un numero di appartenenti ai partiti di maggioranza, non fa certo notizia. Ciò che invece mi pare il caso di sottolineare come un buon segno per il futuro del Paese è quanto messo in atto dai partiti di opposizione in occasione del voto del provvedimento del “bilancio dello Stato” che, come noto è stato approvato con 308 voti a favore. Una dimostrazione di grande sagacia, di alta responsabilità nei confronti delle sorti del Paese e della difficilissima situazione economica, e di perfetto tatticismo politico. Avendo disertato l’Aula di Montecitorio al momento della votazione, infatti, il PD e gli altri partiti di opposizione hanno contemporaneamente sfiduciato il Premier, che ancora poche ore prima affermava di poter contare su tre voti in più e quindi sulla maggioranza alla Camera, ed evitato l’impensabile catastrofe che avrebbe provocato un secondo respingimento del provvedimento in questione dopo la bocciatura di ottobre.

Una dimostrazione che responsabilità, determinazione e coraggio politico non necessariamente sono tra loro in contrapposizione. Un esempio da seguire in futuro.